Pagina 18 - numero_0

Versione HTML di base

F
OO
D TRUCK
ADVISOR
18
®
S P E C I A L T R U C K
PINKY
NAILS ON
THE ROAD
Dalla fine di giugno 2015 le donne di
Milano
, sempre a corto di tempo ma pur a
caccia di una manicure a domicilio, hanno
visto il loro desiderio diventare realtà. Sì:
su
quattro ruote
, con uno
stile rosa anni
‘50
e
sei professioniste dell’applicazione
dello smalto normale, semipermanente,
mani e piedi
a disposizione. Sono le
Pinkettes
, ovvero le ragazze di
Pinky Nails
On the Road
, il nuovo marchio di bellezza
su ruote che ha preso in prestito il mood del
delivery dallo street food e le toelettature
sotto casa o sotto l’ufficio.
In questo caso, però, le protagoniste sono
loro: signore e signorine di Milano, che
abitano o lavorano dentro e fuori l’Area C.
L’idea è di
Paolo Brambilla
, imprenditore
meneghino dalle mille vite e una dichiarata
passione per il gentil sesso, che mi confida:
“Pinky Nails è partito come una iniziativa
che poteva essere interessante perché offre
un servizio alle donne che lavorano e hanno
poco tempo per dedicarsi alla propria cura
e alla propria bellezza”.
Di fatto,
prenotazione via sms o
WhatsApp
sono rapidi, così come la
conferma di giorno, ora, indirizzo civico
scelti dal cliente sono altrettanto fulminei.
Sempre che il calendario non sia in
overbooking: “L’ideale è
prenotare 1-2
giorni prima.
Se i furgoni sono già
full
, sempre via sms o via
WhatsApp
si
forniscono alternative di ore o un paio di
giorni, ma ci stiamo rendendo sempre più
social e con delle piattaforme automatiche
di prenotazione per tutti i device, iOs,
Windows, Android”.
Paolo Brambilla mi mostra l’intensa
attività digitale svolta per far conoscere
carnet, prezzi e prodotti di Pinky Nails On
the Road (
Facebook
e
Instagram
su tutti).
Proprio dalla piattaforma di Zuckemberg, a
fine gennaio 2016 Pinky ha lanciato la sua
nuova linea di smalti semipermanenti e
normali, “
Beverly Hills di Pinky
, prodotti
appositamente per noi negli Stati Uniti”,
ma non è l’unico aspetto eccezionale di
questa avventura su ruote.
Precisione,
puntualità,
esperienza,
conoscenza delle mode, aggiornamento
continuo, scelta dei migliori prodotti in
commercio (
Shellac
,
OPI
,
Gellish
,
Pinky
è
certificato
per tutta Europa): queste
sono le parole chiave per Pinky Nails On
the Road, che ha conseguito i
brevetti
per la realizzazione ed il design del
primo
furgone del make up e manicure non
solo d’Italia, ma di tutta Europa
. “Prima
di noi non esisteva alcun modello: siamo
stati gli unici al mondo a proporre questo
tipo di servizio e dunque i nostri sono tutti
brand registrati. Negli Stati Uniti producono
una linea in continuo aggiornamento per
noi”.
A bordo, mentre il poster di Audrey Hepburn
in
Colazione da Tiffany
guarda incuriosito
e sempre in un ambiente sterilizzato
e monouso (lime monouso, bastoncini
d’arancio, liquidi che sciolgono le cuticole,
“ma solo da fornitori certificati sono usa e
getta”), si trovano le sue ragazze (due per
ogni truck). Tutte diplomate. Tutte formate
anche nel corso con una consulente
francese sul tema della professionalità e
il servizio di cortesia che devono offrire ai
clienti (voluto da Brambilla in persona).
In 40-50 minuti massimo.
Aspetto, quello
del
tempo
insieme alla
qualità del servizio
e al prezzo
, che fanno di Pinky Nails On the
Solo nel primo mese e mezzo
abbiamo servito circa due mila
clienti. E poi… noi non siamo
stagionali come tutti gli altri truck!
Paolo Brambilla
, Pinky Nails On the Road
Per gentile concessione di Pinky Nails On the Road
Per gentile concessione di Pinky Nails On the Road