Pagina 17 - numero_0

Versione HTML di base

®
F
OO
D TRUCK
ADVISOR
17
NEWS DAI FORNITORI
C
hi sono i trucker che
marciano oggi, dentro
e fuori il Belpaese?
E a chi si rivolgono quando
decidono di avviare la loro
attività? C’è quello che cambia
lavoro; c’è colui che si vuole
lasciare alle spalle la routine ma
ha un progetto – di prodotto, di
piatto, di comunicazione – ben
strutturato in testa.
Aziende come la Veicoli Speciali
di Torino si occupano di cullare
la filosofia da cui nasce un nuovo
piatto da truck, la sviluppano nel
migliore dei modi – attraverso
l’allestimento di un veicolo speciale,
un ape come un camion di piccole
o grandi dimensioni, la cura della
comunicazione, marketing e del design.
E lo aiutano a farsi strada dai piccoli
Comuni al mondo.
“Il motore principale per partire e
fondamentale per sviluppare il proprio
business in modo costruttivo è avere un
concept di base. È un po’ lo stesso che
accade quando si inaugura un nuovo
locale o una nuova attività: se manca la
filosofia di base manca tutto”; dice Davide
Cavalieri D’Oro di VS.
Era il 2007 quando, con un giro di vite
repentino e definitivo, insieme a suo
fratello e alcuni soci decisero di dire
addio ai ventennali allestimenti VS
per ambulanti e amministrazioni e
dare vita, concretamente, a quello
che ancora a quei tempi era il
“sogno food truck”.
Ed oggi, VS è leader nel settore
dei costruttori e consulenti.
Lo
è per anzianità, per storia, per
essere stato il “patron” di truck di
successo e amati – da L’Apuccia
all’Ape Martini o il “The Farmer”
su ruote, tanto per far subito
qualche nome – e all’interno
di una fetta di mercato - la
ristorazione su ruote – che
nel tempo si è dimostrata
assai meno provata dalla
crisi economica e assai ben più capace di
rinnovarsi.
“Abbiamo cercato di creare degli strumenti
utili ai professionisti della ristorazione
e alle aziende alimentari per offrire
un nuovo servizio, migliorare e meglio
comunicare il proprio prodotto al
consumatore. Oggi, noi lavoriamo anche
su mezzi promozionali puri, ad esempio
veicoli per ottici, per brand del lusso come
D&G, Fendi, Douglas
...
L’ultimo veicolo consegnato invece è
legato ad una iniziativa sociale: si chiama
Human Milk Link
, è stato presentato ad
Expo Milano 2015 ed è un progetto che si
occupa della raccolta e della distribuzione
del latte moderno donato. Ci siamo
sviluppati anche in altro, è vero, ma il
concetto è nato dall’esperienza all’estero
del “come mangiano” in Nord America, Sud
America e Asia. Ovvero, per strada. 
Abbiamo pensato di fare lo stesso
anche noi, in Italia, ma in una veste
completamente nuova. All’italiana. Con
una storia, una cultura culinaria e un
progetto solido alle spalle.
 I paninari ed i
veicoli speciali esistono da sempre, ma non
come li abbiamo concepiti noi: la nostra
arma vincente è stata 
portare il locale-
azienda su ruote
, utilizzare strumenti di
comunicazione e di marketing e un design
unico perché i nostri veicoli siano molto
accattivanti, molto belli, funzionali, solidi.
Di fatto, oggi sono riconosciuti come i
veicoli migliori”.
A realizzarli ci sono quindici persone, in
azienda. A raccontarli, c’è un sito dalla
nuova veste grafica e in quattro lingue
(in italiano, spagnolo, francese, inglese -
Non il tedesco perché la Germania è un
mercato con un gusto a sé
”, prosegue).
Ci sono aziende ben più grosse di Veicoli
Speciali, è vero, ma di fatto VS è stato
l’apripista di un servizio ai “truck” che altri
non hanno ancora scoperto: “il segreto ed il
marchio di fabbrica di VS è sapere 
guidare
il cliente nella scelta del veicolo, sapere
come si costruiscono i veri Veicoli
Speciali, saperli allestire e quindi
VS - Veicoli
speciali
Una storia di eccellenza italiana; spunti
e case histories per chi ama la qualità
del food su truck.
Consigli ed un piccolo vademecum
da chi, da otto anni, ha scritto, anche
in una nuova veste online, la storia
del fenomeno dei veicoli speciali nel
mondo.
di
Paola Perfetti
Per gentile concessione di VS - Veicoli Speciali